Worlic | Porta Pispini a Siena
780
post-template-default,single,single-post,postid-780,single-format-standard,siteorigin-panels,siteorigin-panels-before-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Porta Pispini a Siena

La Porta dei Pìspini è una delle più antiche porte cittadine della città di Siena. Insieme a Porta Romana, molto simile nello schema compositivo, la Porta dei Pispini fa parte dell’ultima cerchia muraria della città di Siena, eretta a partire dal 1326 su progetto attribuito a Minuccio di Rinaldo.

La porta era originariamente chiamata Porta San Viene, perché secondo la tradizione da qui “vennero” riportate in città, nel 1107, le spoglie di sant’Ansano martirizzato a Montaperti.

La struttura si presenta dotata di un antemurale con funzione di difesa, aperta da un unico fornice e coronata da una possente merlatura sorretta da archetti pensili.

Nella facciata interna era presente il grande affresco della Natività dipinto da Sodoma nel 15301531, progressivamente deteriorato dal tempo; alcuni resti sono stati collocati all’interno della basilica di San Francesco.

Altri articoli che ti possono piacere: