Worlic | L’Accoppiata
720
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-720,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

L’Accoppiata

Category
Programmi TV
About This Project
Raccontare proprio il Palio di Siena con un format, o meglio un’ “accoppiata” vincente di tradizione e innovazione, perché il Palio è storia ma anche futuro.
L’Accoppiata è appunto il nome di questo originale programma.
Al centro del format il gioco del Palio in cui si simula il Palio e tutti i suoi rituali, dall’estrazione alla corsa.
Una sorta di gioco dell’Oca che rispetta l’”anima ludens” del Palio, come ha spiegato Jacopo Rugani, il creatore della versione più attuale seguita nelle contrade, ma anche l’oggettività, il realismo dal punto di vista delle performances di fantini e cavalli durante la corsa che nel gioco sono fedelmente riportate nelle “schede”.
Il mix tra reale e virtuale è stato confermato anche nella scelta delle contrade partecipanti che è caduta sulle soppresse: Gallo, Vipera, Spadaforte, Orso, Leone, Quercia.
L’obiettivo era proprio quello di approfittare del gioco per dare risalto alle contrade che non esistono più e di cui, purtroppo, ci ricordiamo solo in occasione del corteo storico. Un’occasione per raccontarle che è stata affidata ad uno storico, Maurizio Tuliani della Chiocciola che nella prima puntata ha proposto un’intrigante ricostruzione storica di queste antiche realtà.
Sei contrade e quindi sei Capitani, ruolo, questo, rivestito da giovani contradaioli intervenuti volontariamente nel programma.
Poteva mancare il “garante” della festa? Certo che no, ed ecco che Raoul Balducci, contradaiolo della Torre nella vita reale, ha rivestito nel virtual Palio il ruolo di “sindaco” addetto alla supervisione e al coordinamento delle varie operazioni.
Altri ospiti, noti personaggi “storici” di Siena, hanno dato il loro contributo nelle varie puntate mettendo a disposizione del pubblico aneddoti e curiosità. Qualche nome che non ha bisogno di aggiunte: Sebastiano Deledda, il Principe Marchetti e Rio Citernesi.
Autore e presentatore del programma è Diego Giachetti del Nicchio, che ha una tradizione familiare radicata nel Palio che vive ancora oggi nella “Scuderia Gaudenzia”, al suo fianco Alexandra Tetenko, di origini russe e studentessa di Siena che nel programma si è occupata delle riprese video a cui ha contribuito anche un altro operatore, Antonio Barra.
Del cast hanno poi fatto parte l’altra presentatrice, Elena Lambrou una ragazza greca appassionata del Palio, e Francesco Zanibelli, della Chiocciola, un vero e proprio tecnico del Palio che si occupa del tema in varie testate locali, nel programma, in particolare, ha curato le interviste ai fantini e ai proprietari dei cavalli che più ci hanno fatto sognare in questi anni.
Ed è stata proprio un’intervista, quella ad Alberto Manenti, proprietario di Occolè e a Dino Pes, suo allenatore, che ha ispirato Diego nella realizzazione di questo programma. “Volevo andare oltre alla cronaca“, ci spiega, e fare un “racconto” del Palio un po’ diverso.. vivendolo.”